12 novembre 2007

Angelo


(il tempo)

Angelo, sbatti le ali, spolvera il cuore, prenditi il tempo, gusta un piatto appetitoso. Hai quindici anni, oppure quaranta, oppure ottanta: strappa un minuto ancora, crea l'imprevisto, ferma l'istante. Per tutti i tuoi giorni, ogni giorno. Perché, alla fine, quel tempo catturato avrà riflessi che nemmeno puoi immaginare. Angelo, ogni tuo battito d'ali potrebbe far fremere tutto, se solo tu vuoi. Di foglia in foglia, di respiro in respiro, di parola in parola. Angelo, sto scrivendo solo perché la tua bianca piuma ha volteggiato silenziosa, per minuti, per ore, per secoli - sino a carezzarmi il volto, come un profumo. Oggi.

(di un post)

[post scriptum: grazie a tutti voi]

3 commenti:

Albamarina ha detto...

Non ha bisogno di commenti, questo posto. Bentornata.

[ral] ha detto...

Che piacere, tornare finalmente a leggere da te, bentornata.

notedibordo ha detto...

albamarina: rieccomi, spero che non mi capiti ancora di dover stare lontano da qui così a lungo :-*

[ral]: grazie di nuovo, grazie :-)