04 aprile 2007

Gira gira


(la prima a destra)

Dove mi porti, strada di polvere
non ho la moto-da-cross
non ho il clacson
ma per fortuna ho i piedi.

Senza peso di ruote, di metalli
i miei passi sono appoggiati lì, leggeri
girano in un silenzio
di terra battuta.

(dopo il semaforo)

16 commenti:

Il Conte ha detto...

sono per l'ennesima volta la prima rosadeiventi!!!
ero di passaggio... ciao ciao!!!
oggi diluvia qua, quindi la terra più che battuta è fangosa!!!

notedibordo ha detto...

il conte: ben ritrovato! Al momento piove bene anche qui - era ora, in realtà. Pare che ritroveremo la terra battuta a primavera inoltrata :-)

Il Conte ha detto...

speriamo non troppo inoltrata!!!
non se ne può già più di questo tempo del cavolo!!!
ciao

marchino ha detto...

Oggi cambio la mia fotografia nel blog, poi passo da te, ché ieri si era in ValNure, sotto l'acqua battente a rilevar sezioni stradali, e tu ieri scrivevi di piedi, passi,...

notedibordo ha detto...

il conte: abbi pazienza! :-) Anche marchino aspetta il sole, mi sa. Oggi qui è una bella giornata, e lì?

notedibordo ha detto...

marchino: ehi, dove hai nascosto lo scolaretto? Vedo le fivefingers, vedo... E vedo che ieri la pioggia ha fatto un uovo fuori dallo scorbino, mica poteva aspettare un attimo a cadere, che c'eri tu, lì sotto? ;-)

Daniele Marioli ha detto...

Ciao!!
Il tuo bellissimo post mi ricorda che a maggio mi aspetta la via del sale in compagnia dei miei inseparabili amici di trekking, questi ultimi fine settimana di pioggia non ci hanno certamente aiutato nell'allenamento... ma a qualsiasi costo si parte, il mare ci aspetta...
Ciao Fede!

notedibordo ha detto...

daniele: grande! Ma a piedi o in bici? Che percorso si fa? Sono curiosa! Mi viene in mente che l'unica cosa che ho fatto io è una marcia notturna di circa 30 km, a piedi, qualche anno fa. Che fatica, ma è stato bellissimo.

Daniele Marioli ha detto...

ciao Fede!ti rispondo: a piedi, sono tre o quattro giorni ( a seconda della meta marittima)per un centinaio di km, camminando in cresta sulle alte colline tra lombardia-piemonte e liguria, attraversandone poi l'entroterra fino boh... portofino, uscio, recco, sori.... Si parte generalmente da Varzi, in valle staffora, hai presente? poi si sale sul monte chiappo, si prosegue sulla catena del monte antola e poi si scende al mare... con quest'anno è la terza volta che ci propiniamo sto sentiero... assolutamente bello, in maggio le montagne assomigliano a un giardino, ma per me la cosa più suggestiva è scollinare fino poi a vedere, quasi confuso con l'orizzonte, la sottile linea del mare...
Ma tu, Una marcia notturna di 30 km? e dici poco?? di notturno io ricordo una ciaspolata sulla neve... beh non di trenta km...
Ciao!!

krepa ha detto...

ma dai...in fondo a questa strada c'è casa mia...o forse no...

notedibordo ha detto...

daniele: che bellezza, spero di fare almeno una bella passeggiata in questi giorni (sole permettendo). Intanto ti auguro buona Pasqua!

notedibordo ha detto...

krepa: casa tua? Devo averti già incontrato, allora. Benvenuto qui!

la rochelle ha detto...

che bel ritrovamento: la foto del semaforo mi è stata la prima cosa di questo meraviglioso blog a colpirmi. brava federica! (e grazie per la citazione sul tuo nuovo tumblr, hai fatto venire voglia pure a me di aprirne uno)
a presto, pietro

notedibordo ha detto...

la rochelle: diventa tumbler (?) anche tu! Io l'ho trovato irresistibile, mi mancava proprio un blocco-note :-)

marchino ha detto...

Fantastica, la via del sale.
La farò anch'io prima o poi.
Son cose che fan bene all'anima queste, più che al fisico.

notedibordo ha detto...

marchino: con la giusta preparazione fisica, anch'io credo che sarebbe un'esperienza interiore, davvero emozionante.