08 ottobre 2006

Rosso, mosso


Rosso di luna, mosso. Velato dal pianto - prossimo - del cielo, oppure mio. Istante greve, mentre il cielo si copre di nubi. Mistero di un pianto profondo e liberante. Lento, generato da dentro. Vuole spazio, non timore. Poi, il calore di uno scioglimento. Inatteso. Di colpo, si stacca il peso della non serenità. Acqua che riapre alla promessa.

Tag: , ,

Mappa avvistamenti:
Temporale

11 commenti:

Fra ha detto...

La Luna (sì, proprio con la L maiuscola) mi affascina. Ma dato che sono le 23.41 mentre scrivo, sono molto assonnato e soprattutto sarebbe troppo lungo scrivere il perchè, mi devo limitare a dire solo questo.
Spero che mi perdonerai, fede, se non mi lascio andare, per stavolta, a riflessioni più profonde. ^__^

Silio D' Aprile ha detto...

mi piace l`acqua che riapre qualsiasi cosa... Tutto bene? Saluti da Francoforte!

notedibordo ha detto...

fra, buongiorno! Spero che oggi tu stia meglio! ;-)

silio, bentornato tra le Notedibordo! Ti ho scritto una breve mail.

Santiago ha detto...

Dopo la notte ritorna il giorno...e così via, fino alla prossima tempesta...ma, cosa sarebbe il marinaio senza il suo mare?

notedibordo ha detto...

Il mare è lo spazio della sua vita. La tempesta non può mancare, ne è parte integrante.

apepam ha detto...

Acqua che riapre...che ci accoglie... come liquido amniotico.

Grazie fede, per gli auguri :-)
1bacio!

notedibordo ha detto...

Acqua... Cielo, pianto, mare, maternità... Quanti legami profondi... ape, grazie a te!

Daniele Marioli ha detto...

Parole evocative....

notedibordo ha detto...

Buongiorno daniele!

Silio D' Aprile ha detto...

ciao Daniele, anche da me´!...

Daniele Marioli ha detto...

Ciao Silio!
Tutto a posto?
Un saluto!
Ciao!!