27 settembre 2006

Linee


I contorni netti di stamattina sono forse un piccolo dono, quasi un regalo di lucidità in giorni intensi di lavoro e di nebbie autunnali. L'immagine dello scorso gennaio fissa il ricordo di un cristallino assaggio d'inverno, apparentemente senza segreti. Assomiglia alla sensazione immediata che la finestra mi rimanda, momentaneamente riscoperta: un istante finalmente spalancato sull'azzurro. Sono giorni frettolosi, dove il galoppo delle incombenze si mescola al primo fresco e alle emozioni di traguardi raggiunti. Approfittando della mia attenzione, il disegno chiaro delle cose ammicca ai nodi sciolti di un'opacità recente. Tra il quotidiano, che incalza appassionato, un sospiro di sollievo in un sorso d'aria.

Tag: , , ,

2 commenti:

Fra ha detto...

"Sono giorni frettolosi, dove il galoppo delle incombenze si mescola al primo fresco e alle emozioni di traguardi raggiunti."

Hai individuato un momento della mia vita in questa frase. E' bello sapere che certe situazioni sono condivise.

Grazie.

ps: ti scriverò.

notedibordo ha detto...

fra, grazie a te, bentornato!