19 agosto 2006

Sguardo 4 - Giovane melo


È anche tuo, quando ancora non ti vedo, lo sguardo che mi avvolge ogni giorno. Lo so da tempo, ormai, mentre mi preparo ad incontrarti. Sei segno di bellezza. Sei dono e scommessa. Sei attesa e conforto, tenero e acuto, curioso. Sei qui: sorridi, mi parli piano o mi pungi, con le tue parole. Sei il gusto della mia liberante imperfezione, ne ascolti la gioia o il dolore. Le tue tracce discrete nascondono e rivelano tracce infinitamente più grandi. Sei presenza leggera o irruente, forziere e pietra preziosa. Sei più che amico, più che fratello. Sei tu, giovane melo. Per mano mi accompagnerai su nuove strade, nella fatica bella di questo nostro andare.

Mappa avvistamenti:
Sguardi
Imprevisto 19 - Il giglio e il melo

2 commenti:

Silio D' Aprile ha detto...

"sei presenza leggera, irruente, fortiere e pietra preziosa"... Pensiero stupendo, di qualita' segreta ed alta. Sarrei felice di aver udito questa frase nel mio cuore...

notedibordo ha detto...

Grazie per le tue bellissime parole... A presto.